I giocattoli migliori? Oggetti di uso quotidiano!

Un po’ per scelta, un po’ per necessità economica, non abbiamo mai sommerso Chri di giochi. Finora ne abbiamo acquistati pochi, semplici e preferibilmente in materiali naturali come il legno (ad essere sincera io non amo molto i giocattoli plasticosi). Il Natale ha portato con sé tanti giochi offerti in regalo da parte di parenti e amici, e osservare mio figlio in queste ultime settimane mi ha confermato quello che pensavo: i giocattoli migliori sono oggetti di uso quotidiano!

2018-01-24 07968041637..jpg
Chri con i suoi “pentolini”

Non me ne vogliano gli amici e parenti che armati delle migliori intenzioni e con davvero tanto tanto amore hanno dedicato del tempo alla scelta del giocattolo più bello da regalargli, è proprio questo che mi spinge a scrivere due righe a riguardo. Io stessa, prima di essere coinvolta in prima persona, sono stati vittima di consigli sbagliati ricevuti al mega store di giocattoli, luogo dove regna la sovraofferta e si è sottoposti a una sovrastimolazione sensoriale tale che orientarsi diventa difficile anche per un genitore navigato. Inevitabilmente molti giochi finiscono per essere accantonati subito, perché inadatti o poco stimolanti, progettati per essere utilizzati in un modo “programmato” (stereotipato dovrebbe essere il termine corretto!), molto attraenti all’inizio ma il cui fascino purtroppo decade velocemente.

Personalmente non dico di no in maniera tassativa a tutti i classici giocattoli che si possono trovare nei negozi, ce ne sono di validissimi di cui non avrei proprio potuto fare a meno, come un tappetone multiattività per stimolare i più piccolini con sonagli e colori accesi, i giochi ad incastro o le costruzioni di mattoncini colorati che Chri in questo momento sta utilizzando moltissimo (o forse dovrei dire che il suo papà costruisce e Chri-zilla distrugge?! ♥♥♥).

Passo a un esempio pratico: per autoprodurre delle spassosissime maracas basta qualche bottiglia di plastica da mezzo litro riempita, anche a livelli diversi, con pasta, riso, riso soffiato, pastina da brodo, sassolini… basta guardarsi intorno per trovare mille spunti per creare delle maracas con colori e suoni diversi. Chri ci gioca da quando aveva 8 mesi e sono sempre un evergreen!

Alle maracas fatte in casa poi è possibile aggiungere mestoli, ciotole e coperchi per improvvisare interessanti sessioni musicali e percussioni insieme a mamma e papà. Noi facciamo così e finiamo sempre in grandi risate! In questo modo il bambino può imparare a distinguere i suoni dati dai diversi materiali, stimoli che Chri trova molto affascinanti, molto più di premere un bottone su un pannello che emette qualche suono indecifrabile.

Cucchiai dosatori e frusta per i dolci sono utilissimi per giocare al piccolo cuoco. Persino il cestino in bambù che uso per cucinare a vapore le verdure nelle mani di Chri è diventato immediatamente un buffo cappello. Per non parlare poi del classico gioco dei travasi, fattibilissimo con ciotole, ciotoline e pentolini.

2018-01-26 12490836714..jpg
Una selezione dei giochi preferiti del momento… e dei miei cestini!

In ogni stanza ho posto un contenitore che Chri può prendere e di cui può esaminare il contenuto ogni volta che ne ha voglia. Personalmente utilizzo cestini di diversi materiali e misure proprio per offrire a Chri un’esperienza il più possibile diversificata, tra cui è possibile trovare anche un portapenne, un cestino per il pane, un sacchetto di stoffa. Confesso, non l’ho fatto apposta ma è il risultato di un processo graduale: una volta scoperta la passione di mio figlio per i cestini (e svuotarli e riempirli e svuotarli e ririempirli infinite volte!), ho iniziato a “collezionarli”.

È proprio vero, i giocattoli migliori sono quelli più semplici! I piccoli hanno tanta immaginazione e questo basta per trasformare un mestolo di legno in una bacchetta magica! Possiamo quindi lasciare i giocattoli plasticosi con mille bottoni, funzioni, suoni e lucine sugli scaffali del negozio senza troppi sensi di colpa e permettere ai bimbi di esplorare la casa liberamente per soddisfare a pieno il loro bisogno di scoperta. Ovvio, con le dovute attenzioni in tema di sicurezza.

Per le soluzioni su come disporre i giochi con un arredo minimalista e ridotto impatto sul salotto di casa guarda qui la soluzione che ha adottato @francy_mindfulmamma e leggi il suo pensiero sul blog! Per noi questo argomento è ancora in piena sperimentazione, siamo alla fase cesti con giochi mescolati un po’ a caso che è ottima per la fase di riordino (anche Chri partecipa rimettendo a posto i giocattoli che ha utilizzato) ma non è ancora ideale perché non permette a Chri di focalizzare l’attenzione sul singolo gioco in maniera strutturata. Quando troveremo una soluzione definitiva (o quasi) prometto che la condividerò qui sul blog!

Annunci

2 pensieri riguardo “I giocattoli migliori? Oggetti di uso quotidiano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...